LA NUOVA MUSEOLOGIA, UNA GUIDA PER SALVARE I MUSEI DALLA CRISI GLOBALE

26 gennaio 2022–26 gennaio 2022

Mercoledì 26 gennaio 2022, alle ore 17.00, il Museo MA*GA ospita la Lectio Magistralis di Maurizio Vanni e Domenico Piraina
autori del libro La nuova museologia, una guida per salvare i musei dalla crisi globale
(Celid) che verrà presentato per l’occasione.

L’evento sarà trasmesso in diretta Facebook sulla pagina del Museo
https://www.facebook.com/maga.museo/

Si tratta di un manuale interdisciplinare per affrontare le sfide del presente e il futuro delle istituzioni culturali nell’era post-Covid, scritto da Maurizio Vanni, museologo, già docente in più di 40 università del mondo, e Domenico Piraina, direttore di Palazzo Reale a Milano. Il volume è arricchito dall’introduzione di Massimo Osanna, direttore generale Musei del MiC-Ministero della Cultura, e dagli interventi di numerosi esperti internazionali in tema di economia, salute, turismo, ambiente e tecnologia.
La nuova museologia cerca di rispondere a interrogativi su come salvare i musei dalla crisi globale, come trasformare le incertezze del presente pandemico in opportunità future, o quali sono gli scenari possibili per la cultura e le sue istituzioni.

Salute, benessere, economia, turismo, tecnologia, sociale e ambiente sono tra gli aspetti presi in esame dagli autori per delineare una nuova filosofia museologica secondo la quale i musei del futuro dovranno diventare vere e proprie “piattaforme di benessere esperienziale” senza abbandonare le proprie funzioni istituzionali che li pongono “al servizio della società e del suo sviluppo”.

Dagli ecomusei ai musei integrali, dalla museologia sociale alla museoterapia, dalla Museum Social Responsibility fino alle esperienze in realtà aumentata in ambienti misti reale-virtuale, toccando il turismo sostenibile, il marketing H2H “human to human”, le nuove profilazioni dei pubblici grazie ai modelli digitali delle “personas” e alla segmentazione a specchio.

Attraverso numerosi casi di studio, dall’Italia e da tutto il mondo, il manuale affronta le inedite sfide che le istituzioni museali dovranno fronteggiare sia nell’immediato, sia sul lungo termine. L’obiettivo è quello di fornire strategie e metodi per rispondere alla flessione economica, al ridimensionamento dei flussi turistici, agli impatti sociali e psicologici della pandemia, senza trascurare l’integrazione del digitale nelle esperienze di fruizione e l’attenzione per l’ambiente.

Per rispondere alle nuove esigenze dei visitatori dettate dalla condivisone dello stile di vita, dal benessere come bene primario e dalla rivoluzione sociale innescata dal distanziamento sociale e dal

confinamento degli ambienti, le istituzioni dovranno dotarsi di nuovi strumenti e nuove competenze da integrare a quelle preesistenti: nuove governance, team multidisciplinari e nuove figure professionali per la gestione dei servizi e il ripensamento degli allestimenti; innovativi modelli di business e di reperimento fondi; nuovi paradigmi valoriali; regolamentazione dell’offerta digitale attraverso piattaforme virtuali, broadcaster e integrazioni con le visite in situ; nuove strategie per costruire e coinvolgere pubblici, come l’inbound marketing o il marketing olistico; analisi dei nuovi competitor.

Una guida di facile consultazione, corredata da schemi e modelli, all’interno della quale si alternano proposte concrete ed esempi virtuosi, arricchiti dagli interventi di esperti autorevoli sui temi di volta in volta esaminati. Il risultato è un manuale snello, pensato non solo per imprenditori culturali, addetti ai lavori, amministrazioni e istituzioni, ma anche per il grande pubblico che nell’anno dell’emergenza sanitaria ha visto limitata, proibita o rimodulata la fruizione delle arti e dello spettacolo.

L’evento, realizzato in collaborazione con il Liceo Artistico Frattini di Varese, è particolarmente indicato per il personale Docente, per cui si rilascia attestato di partecipazione, e per gli studenti del settore artistico/museale. L’attestato è spendibile nell’ambito delle attività di formazione e aggiornamento.

Note biografiche degli autori

Domenico Piraina, laureato in Materie letterarie e in Scienze dell’amministrazione con un master in Management pubblico, è direttore del Polo Mostre e Musei Scientifici del Comune di Milano e direttore di Palazzo Reale a Milano. Esperto in management e comunicazione culturale, ha realizzato più di 1500 mostre in Italia e all’estero.

Maurizio Vanni, storico dell’arte, museologo specialista in valorizzazione e gestione dei beni culturali e dei musei. È direttore generale del Lu.C.C.A. Lucca Center of Contemporary Art e docente di Marketing non convenzionale all’Università Tor Vergata. Ha curato oltre 600 mostre in 30 paesi del mondo e ha insegnato in più di 40 università in città come Seoul, Shanghai, San Paolo, Mosca, Parigi e Toronto. Già autore de Il Museo diventa impresa. Il marketing museale per il break even di un luogo da vivere quotidianamente (Celid, 2018).

Ingresso libero