ARCHIVIFUTURI

Festival degli Archivi del Contemporaneo

04 giugno 2022–12 giugno 2022

La prima edizione di ARCHIVIFUTURI. Festival degli Archivi del Contemporaneo si tiene tra il 4 e il 12 giugno 2022 ed è un'occasione unica per scoprire il patrimonio culturale del XX e XXI secolo in un territorio compreso tra l'alto milanese e la provincia di Varese, fino ai laghi e il confine svizzero. Il Festival mette in luce la specificità di un’ampia area geografica, eletta da importanti artisti contemporanei quale luogo privilegiato per la ricerca, la produzione artistica e caratterizzato dalla presenza di musei, fondazioni, case museo e archivi a loro dedicati.

Oltre alle mostre, nei giorni del Festival, gli archivi aprono eccezionalmente le loro sedi, mostrando i materiali e le opere in essi custodite e conservate; sono programmate visite guidate curate dai responsabili degli archivi e dai giovani studiosi parte del progetto, laboratori e attività per i ragazzi e per le famiglie che visiteranno i luoghi e le mostre.

Il festival è organizzato dalla rete Archivi del Contemporaneo. Lombardia terra d’artisti, progetto vincitore dei Piani Integrati della Cultura - PIC 2020/2022, attuati da Regione Lombardia per promuovere la progettualità culturale strategica in forme integrate e multisettoriali che richiedono il coordinamento tra soggetti pubblici e privati.

Ecco il programma:

Sabato 4 Giugno 2022


Museo MA*GA, Gallarate VA
ore 17.00 - inaugurazione delle mostre

> Screens. Culture dello schermo e immagini in movimento
XXVI edizione - Premio Nazionale Arti Visive Città di Gallarate
Il Premio Gallarate, in questa edizione, indaga le relazioni tra produzione artistica contemporanea in Italia e i linguaggi video. Incentrata sul rapporto tra immagini in movimento, culture analogiche e digitali, in mostra sono esposte video installazioni e opere di Rossella Biscotti, Chiara Fumai, Adelita Husni-Bey, Invernomuto, Mario Rizzi, Silvia Rosi, Vashish Soobah, Natalia Trejbalova e VEGA. Apre la mostra un ambiente immersivo dedicato ai video archivi donati da Mario Gorni e Zefferina Castoldi che ricevono il Premio alla Carriera per il lavoro di documentazione della scena artistica italiana realizzata negli ultimi 35 anni.

Un altro mondo si dischiude
Storia e arte in Italia tra 1948 e 1980

Tra l'immediato Secondo Dopoguerra e gli anni Sessanta, un nuovo universo artistico trasforma la cultura e la società italiana. Tra i protagonisti di questa trasformazione, che prosegue fino agli anni della contestazione e gli anni di piombo, vi sono gli autori di riferimento del Festival ARCHIVIFUTURI e altri che hanno operato nel territorio indagato dal festival. Prendendo spunto dalle parole di Sandro Penna, la mostra Un altro mondo si dischiude racconta episodi, biografie e pratiche di queste artiste e di questi artisti: Enrico Baj, Marion Baruch, Angelo Giuseppe Bertolio, Lilliana Bianchi, Floriano Bodini, Giannetto Bravi, Gianfranco Brebbia, Dadamaino, Lucio Fontana, Franco Fossa, Luciano Giaccari e Maud Ceriotti, Renato Guttuso, Giuseppe Migneco, Marcello Morandini, Enzo Morelli, Marinella Pirelli, Innocente Salvini, Giancarlo Sangregorio, Aligi Sassu, Vittorio Tavernari, Giovanni Testori, Gianfilippo Usellini, Silvio Zanella. In Sala Arazzi Ottavio Missoni un focus dedicato al suo percorso artistico e alle attività che Archivio Missoni promuove in collaborazione con il Museo MA*GA.

> INTRECCI. MA*GA e Missoni per l’arte e l’educazione
Installazione in Sala Arazzi Ottavio Missoni

Andrea Crespi. ARchivi
Digital project in realtà aumentata
Online e Museo MA*GA

 

.

Visite guidate
domenica 5 giugno e domenica 12 giugno alle ore 16.00
senza prenotazione sino ad esaurimento posti

Laboratori didattici per famiglie
domenica 5 giugno e domenica 12 giugno
laboratorio continuo con accesso libero dalle ore 15.30 alle 18.00 senza prenotazione

 

Domenica 5 giugno 2022


> ARCHIVIO FRANCO FOSSA
ore 15.00 - Apertura esclusiva dell’Archivio con visita guidata
solo su prenotazione: archividelcontemporaneo@museomaga.it

Info:
francofossa.it
Archivio Franco Fossa
Via Cicerone 8, Rho MI

> CASA TESTORI
ore 17.00 - inaugurazione della mostra
Il Manifesto del Realismo. Tavernari a Casa Testori 

Marzo 1946: sulla rivista Argine Numero viene pubblicato Oltre Guernica. Il Manifesto del Realismo di pittori e scultori. I firmatari sono molteplici: G. Ajmone, R. Bergolli, E. Bonfante, G. Dova, E. Morlotti, G. Paganin, C. Peverelli, V. Tavernari, G. Testori ed E. Vedova. Proprio da questo evento prende avvio la mostra che vede Casa Testori ospitare tra le proprie mura le opere di Vittorio Tavernari realizzate negli anni intorno al Manifesto, conservato nell’Archivio di Giovanni Testori che, probabilmente, ne stese il testo. Tra le opere esposte, non solo sculture ma anche disegni e materiali d’archivio come riviste, fotografie, cartoline e lettere accompagneranno il visitatore alla scoperta di quegli anni cruciali per l’attività degli artisti milanesi. Un approfondimento verrà dedicato alla Mostra del «Numero» allestita a Varese nel 1946.

5 giugno - 23 luglio 2022
dal 6 al 12 giugno 2022 tutti i giorni dalle ore 10.00 alle 19.00
dal 14 giugno al 23 luglio 2022 da martedì a venerdì dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00
sabato dalle 14.30 alle 19.30 (chiusura: domenica e lunedì)

Info:
associazionetestori.it
archivio@associazionetestori.it
Largo Angelo Testori, 13 Novate Milanese MI
T 02 36586877

visite guidate con i curatori
> domenica 5 giugno alle ore 17.00
> da lunedì 6 a venerdì 10 giugno, ogni giorno alle ore 18.00
solo su prenotazione: archivio@associazionetestori.it
> sabato 11 e domenica 12 giugno alle ore 16.30 e alle 18.00

Laboratori didattici per famiglie
domenica 5 giugno e sabato 11 giugno alle ore 16.00
solo su prenotazione: scoprire@casatestori.it

 

Giovedì 9 giugno 2022


> FONDAZIONE MARCELLO MORANDINI
ore 17.30 – inaugurazione della mostra
Marinella Pirelli. Due meteore

Gli spazi della Fondazione Marcello Morandini di Varese ospitano due opere di Marinella Pirelli, poliedrica artista attiva tra il 1945 e il 2009. Alla fine degli anni Sessanta, la sua ricerca artistica approda alla serie Meteore, connubio di forme, luci e movimento: “Più che cristallizzare un’immagine o un gesto o un pensiero in un momento, anche se felice e positivo, mi interessava dare il senso del farsi di un’immagine, di un gesto, di un pensiero”. Una sorgente di luce si muove radente sopra pannelli in metacrilato lavorati con colori e gelatine trasparenti, creando un lento divenire di forme e colori.

9 giugno - 15 settembre 2022
da giovedì a domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00
solo su prenotazione con visita guidata

Info:
fondazionemarcellomorandini.com
info@fondazionemarcellomorandini.com
via Francesco del Cairo 41, Varese
T 0332 1610525

Visite guidate
da giovedì a domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00
solo su prenotazione a info@fondazionemarcellomorandini.com

laboratori didattici per famiglie
domenica 12 giugno dalle ore 15.00 alle 18.00
solo su prenotazione a info@fondazionemarcellomorandini.com

 

Venerdì 10 giugno 2022

>ARCHIVIO MISSONI
ore 15.00 - Apertura esclusiva dell’Archivio con visite guidate

Info:
archiviomissoni.org
Via Campagna 2, Albusciago di Sumirago

 

>ARCHIVIO VITTORIO TAVERNARI
dalle ore 15.00 alle 18.00 Apertura esclusiva dell’Archivio con visita alle opere in città
solo su prenotazione a archividelcontemporaneo@museomaga.it

archividelcontemporaneo@museomaga.it
Info:
carla.tavernari@fastwebnet.it
vittoriotavernari.it
Via Dandolo 17, Varese

altre iniziative
> domenica 19 giugno
Tour Tavernari a Gallarate: visite alla Fontana di p.zza Libertà, Cimitero Monumentale e Museo MA*GA
Partenze dal Museo MA*GA alle ore 15.00 – 16.00 – 17.00
> mercoledì 22 giugno e 29 giugno
Apertura dell’Archivio Vittorio Tavernari con viste guidate per gruppi
dalle ore 10.00 alle 10.30; dalle ore 10.30 alle 11.00; dalle ore 11.00 alle 11.30
Solo su prenotazione: carla.tavernari@fastwebnet.it (max 8 pp per gruppo)

 

Sabato 11 giugno 2022

>IL BORGO DI LUCIO FONTANA
ore 16.00 – visita dell’atelier di Lucio Fontana e inaugurazione della mostra
Lucio Fontana e Comabbio

Una mostra fotografica e documentaria dedicata all'artista nella sua casa di Comabbio, luogo dove la famiglia Fontana viveva, dove Lucio Fontana trascorreva alcuni periodi dell'anno, dove ha scelto di vivere gli ultimi anni della sua vita e dove è sepolto. Oltre a interessanti documenti riguardanti l'attività dell'artista, a testimonianza delle numerose esposizioni allestite nei più importanti musei e gallerie d'arte del mondo, sono esposti scatti fotografici di Gian Barbieri che ritraggono Lucio Fontana negli anni 1967/68 quando si trasferì da Milano a Comabbio e una serie di litografie donate dalla moglie Teresita Rasini al Comune di Comabbio.

orari
sabato e domenica dalle ore 10.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 18.30

Info:
comunicazione47@tiscali.it
via Lucio Fontana 450, Comabbio VA
335 5807500 (Massimo Cassani)
335 5369949 (Nadia Paganini)

visite guidate
solo su prenotazione a comunicazione47@tiscali.it (gruppi max 10 pp)

>FONDAZIONE SANGREGORIO GIANCARLO
ore 18.00 – inaugurazione della mostra
L’ambiente del corpo. Franco Fossa e la scultura tra forma e limite

L’esposizione che si svolge presso la Fondazione Sangregorio Giancarlo di Sesto Calende vede in mostra principalmente l’opera scultorea di Franco Fossa. Comunicando con il luminoso spazio che affaccia sul Ticino e sul verde che lo circonda, i diversi materiali plastici indagati da Fossa come legno, gesso patinato e bronzo, mettono in luce riflessioni e dicotomie sull’uomo moderno e il suo rapporto con l’ambiente. Partendo dalla trasformazione della forma umana attraverso una selezione delle sue teste – da quelle più accademiche, a quelle più crude e spaesanti – passando per le rigide figure lignee, sino alle opere più mature come le scatole-ambienti, la mostra guarda al lavoro dello scultore evidenziando il rapporto tra dimensione interiore ed esteriore della condizione dell’uomo moderno.

11 giugno – 31 luglio 2022
domenica 12, sabato 18 e domenica 19 dalle ore 15.00 alle 19.00
Sino a fine mostra apertura solo su appuntamento: info@fondazionesangregorio.it

Info:
fondazionesangregoriogiancarlo.it
Via Cocquo 19, Sesto Calende VA

Visite guidate
domenica 12, sabato 18 e domenica 19 dalle ore 15.00 alle 19.00
senza prenotazione

laboratori didattici per famiglie
domenica 12 e domenica 19 dalle ore 15.00 alle 18.00
senza prenotazione

 

Domenica 12 giugno 2022

BORGO DI ARCUMEGGIA
ore 10.00 - Visita guidata al borgo
(ritrovo all’ingresso del paese, parcheggio nei pressi della Chiesa)

Info:
arcumeggia.it
info@arcumeggia.it
via Nuvoloni, Casalzuigno Varese

altre visite guidate
domenica 12 giugno partenza alle ore 15.00
sabato 18 giugno partenza alle ore 15.00
domenica 19 giugno partenza alle ore 10.00 e alle 15.00

Per le viste del borgo in autonomia, presso l’ufficio “Informazioni turistiche” sono disponibili mappe con l’itinerario e audioguide in italiano e in inglese

laboratori didattici per famiglie
domenica 12 giugno alle ore 15.00
senza prenotazione

altre attività
Caccia all’affresco – laboratorio per bambini/ragazzi
sabato 18 giugno alle ore 15.00
sede Pro Loco in via Nuvoloni
solo su prenotazione: info@arcumeggia.it

>MUSEO SALVINI, Cocquio Trevisago
ore 15.00 – visita al museo e dello studiolo privato dell’artista

Innocente Salvini
Visita ai restauri degli affreschi di Innocente Salvini sulle pareti della casa-mulino: utilizzando frammenti di cartoni e spolveri originali vengono illustrati gli interventi di pulitura, consolidamento e restauro da lui eseguiti sugli affreschi di Innocente Salvini. Un’unica occasione per visitare lo studiolo dell’artista, mai aperto al pubblico e custode tra ossidi, solventi e terre, delle maschere funerarie, realizzate dal pittore, per fissare nel gesso i volti dei suoi congiunti. Riflessioni a cura di Angela Viola.

dal 12 giugno 2022
sabato e domenica dalle ore 15.30 alle 17.30
solo su prenotazione: T 0332 602161

Info:
Contrada Salvini 5, Cocquio Trevisago VA
T 0332 602161
visite guidate
solo su prenotazione: T 0332 602161

 

MUSEO CIVICO BODINI, Gemonio
ore 17.00 – inaugurazione della mostra con visita guidata anche alla collezione permanente
Ogni giorno una parola dipinta. Silvio Zanella, opere 1948 -1966
La mostra mette in luce il percorso pittorico di Silvio Zanella dall’immediato dopoguerra, quando si inserisce nell’ambiente artistico milanese studiando all’Accademia di Belle Arti di Brera, sino alla metà dagli anni Sessanta e ci conduce appieno nel suo universo creativo caratterizzato dalla costante ricerca sulle capacità costruttive del colore pittorico, straordinariamente memore della vita, del fluxus sanguinis che circola tra gli esseri viventi, eppure così mentale, pensato e elaborato da raggiungere esiti compositivi quasi astratto-informali.
Il desiderio di operare come artista indipendente e libero e, contemporaneamente, di lasciare un segno culturale concreto nell’Italia che si stava rialzando dagli anni bui della guerra, guida Silvio Zanella a cercare, come artista, la propria cifra stilistica tra il post-cubismo della fine degli anni quaranta e un neo naturalismo affrancato da velleità realiste a partire dalla seconda metà degli anni cinquanta; e, come uomo di cultura, a fondare nella propria amata città prima il Premio Nazionale Arti Visive città di Gallarate (1949) e successivamente la Civica Galleria d’Arte Moderna, ora MA*GA (1966).

12 giugno - 31 luglio 2022
sabato e domenica dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00
Dal lunedì al venerdì solo su appuntamento: info@museobodini.it

Info:
museobodini.it
info@museobodini.it
Via Marsala 11, Gemonio VA

visite guidate
sabato 18 giugno alle ore 16.00
sabato 30 luglio alle ore 16.00 per il finissage della mostra
solo su prenotazione: info@museobodini.it

laboratori didattici
> sabato 18 e sabato 30 luglio alle ore 16.30 (dai 14 anni)
solo su prenotazione: didattica.museobodini@gmail.com
> sabato 9 luglio alle ore 15.00
Laboratorio “Il mio archivio…ad arte” per bambini (8-13 anni)
Partendo dall’esempio dell’archivio d’artista i bambini sperimentano come realizzare il proprio archivio personale di ricordi, disegni, fotografie e materiale quotidiano.
solo su prenotazione: didattica.museobodini@gmail.com

altre attività
18 giugno alle ore 16.00
Presentazione del volume Giuseppe Guerreschi. Taccuino critico 1964-1996 e carteggio 1960-1978 di Enrico Crispolti, a cura di Maria Rossa, per Mimesis editore, quinto titolo della collana Archivi di nuova figurazione a cura di Sara Bodini e Luca Pietro Nicoletti

 


Info
Museo MA*GA
0331 706033
archividelcontemporaneo@museomaga.it



Ph. Studio di Lucio Fontana, Il Borgo di Lucio Fontana, Comabbio