CHIARA DYNYS AND THE FILMIC IMAGINARY

Alessandro Castiglioni

Il libro ripercorre oltre trent’anni di attività di una delle più rilevanti artiste italiane contemporanee, Chiara Dynys. Il saggio di Alessandro Castiglioni e l’antologia critica e iconografica da lui curata offrono un punto di vista inedito capace di mettere in relazione i linguaggi dell’artista con i movimenti le suggestioni di alcuni episodi della storia del cinema.
In questo volume pubblicato in occasione della mostra "Melancholia" al MAGA, la poetica dell’artista è disvelata attraverso il suo immaginario filmico: le suggestioni di alcuni registi centrali nella storia del cinema, da Roberto Rossellini a Jane Campion a Lars Von Trier, da Federico Fellini a Paolo Sorrentino, risuonano attraverso i linguaggi di Dynys: la luce e lo spazio trasfigurano le narrazioni e le immagini in movimento attraverso gli ambienti espositivi.
Articolato in quattro capitoli che devono il proprio titolo a un film scelto dall’artista (Viaggio in Italia; Melancholia; Holy Smoke!; Prova d’orchestra), questo libro è una mappa per perdersi all’interno dell’opera di Chiara Dynys, per scoprirla e rileggerla alla luce di chiavi interpretative che non sono né cronologiche né tematiche bensì, come le opere stesse di Dynys, prendono la forma di luoghi in cui incontrare e incontrarsi: camminare attraverso labirinti, farsi sorprendere da luci, fantasmi e specchi, mettere alla prova la capacità di vedere e capire, farsi travolgere dai desideri fatui dell'inconscio e varcare le soglie della percezione.

Chiara Dynys and the filmic imaginary