Linguaggi Estranei

LINGUAGGI ESTRANEI
Performance e lecture alla GAM
a cura di Vittoria Broggini

11/12 dicembre 2009
Fennesz e Lillevan, Thomas Köner, canecapovolto, Zafos Xagoraris


Linguaggi estranei è il ciclo di performance, interventi e lecture che ha avuto inizio il 3 ottobre 2009 alla Civica Galleria d’Arte Moderna di Gallarate e si concluderà l’11 e il 12 dicembre 2009.
Due momenti di grande interesse e di diretto confronto con il pubblico: la lecture del collettivo canecapovolto con la proiezione di alcuni brevi video e quella del sound-desinger greco Zafos Xagoraris, che presenterà anche una sua installazione.
Ai momenti di discussione seguiranno, in entrambe le serate, due performance multimediali: quella di Christian  Fennesz con  Lillevan e quella di Thomas Köner.

Gli artisti presentati operano in una zona linguistica di confine integrando varie discipline artistiche alla tecnologia del nostro tempo. Gli esiti estetici di queste attività multidisciplinari ci mettono di fronte ad un genere difficilmente definibile. Questo risultato ibrido, richiede certamente nuovi parametri critici, di analisi e di lettura, ma si contraddistingue naturalmente per il forte valore integrativo, non solo tra i vari generi artistici, ma anche tra lo spazio, l’artista e lo spettatore.

Venerdì 11, infatti, Fennesz, uno dei nomi di riferimento dell'ambient elettronica dell'ultimo decennio, richiesto dai più importanti festival musicali internazionali, suonerà brani dal suo recente album Black Sea (2009), trasformando accordi di chitarra elettrica attraverso un computer per generare muri di suono ambient. Contemporaneamente, il video-artista tedesco Lillevan ne commenterà le atmosfere processando in tempo reale immagini evocative di rara bellezza. Sabato 12 invece, l'artista tedesco Thomas Köner musicherà in diretta il suo video La Barca (2009), lavoro concettuale che presenta sofisticate elaborazioni grafiche di precedenti riprese.

Le lecture e le perfomance in programma si inseriscono in un progetto, sostenuto dalla Regione Lombardia, che pone l’accento sul concetto di “integrazione” tra diversi modi, abitudini, sistemi sociali e culture e sulle affinità e divergenze tra le percezioni, i codici, le modalità di comunicazione al di là degli idiomi nazionali. Linguaggi Estranei ha l’obiettivo di sottolineare come queste questioni si trovino anche ad un livello di sintassi linguistica ed espressiva nell’arte più strettamente contemporanea, evidenziando come il ruolo dell’arte non sia solo quello di “costruire mondi” metaforici e simbolici, piuttosto quello di creare uno spazio comune di interazione e coinvolgimento.
Risulta sempre più opportuno e necessario che in un Museo confluiscano discipline diverse, che questa istituzione riunisca nel proprio ambito operativo teorie, pratiche, produzioni e ricerche su un fondamento strutturale multidisciplinare.

Venerdì 11 dicembre 2009

Ore 19.00: Lecture
Canecapovolto_introdotti da Vittoria Broggini (curatore GAM)

Ore 21.30:
Fennesz e Lillevan _Black Sea (2009) audio-visual performance

Sabato 12 dicembre 2009

Ore 19.00: Lecture
Zafos Xagoraris_introdotto da Gianni Romano (Critico/editore)
Presentazione di Silencers and Amplifiers (Postmediabooks, 2009)

Ore 21.30:
Thomas Köner _La Barca (2009) audio-visual performance

Christian Fennesz è nato nel 1962. Dal 1997 ha iniziato a pubblicare i suoi lavori per chitarra e laptop grazie all’etichetta austriaca Mego, e da allora ha collaborato con musicisti come Jim O’Rourke e Peter Rehberg (Pita), Mika Vainio, i Polwechsel e David Sylvian. Ha inoltre lavorato alle colonne sonore di Beyond the Ocean, Gelbe Kirschen e Blue Moon. Figura chiave della musica elettronica dell'ultimo decennio, Fennesz sperimenta codici musicali attraverso l’utilizzo di strumenti tradizionali e digitali per creare suoni di ampia portata e complessa musicalità.
Vive e lavora tra Vienna e Parigi.
www.fennesz.com

Lillevan è video artista berlinese, co-fondatore e anima visiva dei Rechenzentrum (1997-2008), formazione che fa dialogare musica elettronica e videoarte, tra le più importanti della scena europea. Parallelamente ha collaborato con importanti artisti legati ai generi più diversi, dalla musica di stampo minimal, all'installazione, all'opera e alla musica e danza classiche. Si è esibito in tutto il mondo partecipando ai maggiori festival internazionali, e le sue performance (in solo o assieme a importanti musicisti) sono state sempre acclamate dal pubblico e dalla critica.
www.lillevan.com

Zafos Xagoraris studia Architettura all’Università di Atene e si specializza con un Master in “Visual Arts” al MIT di Boston. Nel suo lavoro Xagoraris utilizza installazioni, meccanismi e disegni, che stringono sempre un forte legame con l’ambiente urbano. Nel 1989, anno in cui presenta un’installazione presso Charles River a Boston, partecipa alla creazione di una serie di opere pubbliche. Alcune delle sue installazioni pubbliche sono a Metsovo, Grecia e Langenlois, Austria e nel 2003 ha collaborato alla costruzione di un’opera di arte pubblica permanente alla stazione Kallithea di Atene, dove vive ed è docente di Arte all’Accademia di Belle Arti.
www.xagoraris.net

canecapovolto, il gruppo nasce a Catania nel 1992 sul modello della confraternita filosofica. In una continua sperimentazione, supportata dall'uso di vari mezzi quali film acustici, video, installazioni, happening, collages, canecapovolto sviluppa un'indagine sulle possibilità espressive della visione e sulle dinamiche della percezione, adoperando tecniche originali di trattamento e manipolazione dell'immagine e dell’esperienza estetica. Le tematiche affrontate fanno dunque riferimento ad un universo sociale in continuo mutamento, adottando una prospettiva critica che riattulizza le pratiche del Situazionismo. Più recentemente, canecapovolto ha realizzato progetti multisensoriali, quali Helmut Doppel, Uomo Massa e Presente Continuo. Attualmente, con il progetto Stereo Verso Infinito, sta perfezionando un sistema di catalogazione e classificazione audiovisiva secondo una metodologia affine alla creazione di un "metalinguaggio".
www.canecapovolto.it

Thomas Köner, musicista-performer e video-maker tedesco, è nato a Bochum nel 1966. Studia musica presso l’Università di Dortmund e successivamente musica elettronica al CEM-studio di Arnhem. Può essere definito un artista visionario che lavora su immagini della quotidianità urbana, spesso degradata o appiattita nella sua indistinta mediocrità. Immagini che registra in luoghi diversi sparsi sul pianeta e dalle quali estrae una sorta di sottostrato, una dimensione occulta e trascendente, in forma di luminescenza, di sdoppiamento o di frantumazione dell’integrità delle forme, attraverso una disintegrazione dello stesso dato temporale. Nel 2008  partecipa alla Biennale di Seoul.
Nel 2009 riceve il MuVi Award in occasione della Festa Cinematografica di Oberhausen. 
www.thomaskoner.com
Linguaggi Estranei
Performance e lecture alla GAM
a cura di Vittoria Broggini

11 – 12 dicembre 2009
Fennesz e Lillevan, Thomas Köner, canecapovolto, Zafos Xagoraris

Progetto realizzato con  il contributo di Regione Lombardia
(L.R 6/2000 progetti di promozione dell’integrazione europea)

Foto

11/12/2009