×

Archivi del Contemporaneo

Il progetto

Archivi del Contemporaneo. Lombardia terra d’artisti è il progetto vincitore dei Piani Integrati della Cultura - PIC 2021/2022, attuati da Regione Lombardia per promuovere la progettualità culturale strategica in forme integrate e multisettoriali con il coordinamento tra soggetti pubblici e privati.

Il progetto è finalizzato all’attivazione di una strategia di integrazione tra la valorizzazione dell’identità territoriale e la conservazione e condivisione del suo patrimonio culturale legato all’arte contemporanea e ai suoi sviluppi in un’area ben identificata, ricca di storia, di arte e cultura, tradizionalmente considerata omogenea per il ruolo svolto da processi di antica industrializzazione e per la centralità nel collegare l’Italia al resto d’Europa.

Grazie allo studio di fattibilità finanziato da Fondazione Cariplo, è stato effettuato un importante lavoro di studio e mappatura degli archivi d’artista esistenti strutturati e organizzati in forme diverse e non omogenee, studi privati, associazioni, fondazioni, case museo. In essi sono raccolte opere dei protagonisti dell’arte della seconda metà del Novecento, la documentazione del loro lavoro e la testimonianza dei rapporti e degli scambi che hanno intrattenuto e costruito con la realtà sociale, economica, industriale e culturale di quest’area estesa, in particolare con i numerosi musei d’arte contemporanea che qui sono nati e si sono sviluppati.

Da questo contesto è nato un unico grande progetto di accensione e valorizzazione inedita dell’intera area attraverso una rete che si configura come un sistema ampio e dinamico di natura territoriale e tematica, tesa a conservare, tutelare e valorizzare il vasto patrimonio di archivi e lasciti degli artisti, case museo e fondazioni, nato sul territorio della Provincia di Varese e dell’Alto milanese; connetterlo con i musei attivi sul territorio; dare nuove opportunità occupazionali ai giovani laureati e sviluppare strategie di promozione territoriale.

Per il proprio carattere innovativo Archivi del contemporaneo sarà capace di ridefinire la percezione e l’identità stessa del territorio, il suo posizionamento, il suo sistema valoriale, facendone un luogo di innovazione, un incubatore di idee, uno spazio geografico trend setter che concorre a definire nuovi elementi di lifestyle, producendo sviluppo economico e occupazionale, e rafforzamento dell’attrattività territoriale.

Scarica il pdf

Rete

Il Museo MA*GA è capofila del Partenariato, costituito per la realizzazione di Archivi del Contemporaneo: 15 enti stanno collaborando con azioni collettive finalizzate alla tutela e alla valorizzazione di un importante patrimonio, materiale e immateriale a forte rischio di dispersione e abbandono con particolare attenzione all’area che ruota attorno all’asse del Sempione e ai laghi di Varese.

Partner

Comune di Gallarate proprietario del Museo MA*GA, dell’edificio e delle sue collezioni, già fondatore della storica GAM, attraverso l’Assessorato alla Cultura sostiene le attività culturali cittadine.

Premio Nazionale Arti Visive Città di Gallarate fondato nel 1949, in sessant’anni di attività ha contato XXVI edizioni, rivolgendo l'attenzione non solo alla pittura ma alla scultura, al design, al disegno ed all'incisione, alla computer art e all’arte digitale con un’ottica che privilegia l'indagine delle espressioni artistiche contemporanee più significative.

Associazione Giovanni Testori Onlus, Novate Milanese costituita nel 1998 con lo scopo di tutelare e valorizzare il Fondo Giovanni Testori, l’archivio storico dello scrittore, drammaturgo e critico d’arte, dichiarato “Bene d’interesse storico particolarmente importante” - art. 13-14, D.L. 41, del 22 gennaio 2004 dal 2017, comprende la Biblioteca d’arte dello scrittore, con oltre 15.000 volumi.

Fondazione Marcello Morandini, Varese costituita nel 2016 con l’obiettivo di fondare un museo dedicato all’artista, conserva oltre 200 opere tra disegni, sculture, progetti di architettura, rendering e modelli e prodotti di design, realizzati dalla metà degli anni Sessanta a oggi.

Archivio Marinella Pirelli, Varese nato per volontà della famiglia dell’artista si occupa della catalogazione, valorizzazione e promozione del lavoro di Marinella Pirelli, per far conoscere le opere pittoriche, filmiche e installative, nonché la pulsante creatività della visione dell’artista.

Il borgo di Lucio Fontana Associazione Culturale, Comabbio è l’associazione nata con l’obiettivo di contribuire a tenere vivo il ricordo della presenza del grande artista a Comabbio e ha la propria sede nella casa-atelier che fu di Lucio Fontana e che ancora oggi casa di proprietà degli eredi.

Museo Civico Floriano Bodini, Gemonio dedicato allo scultore di Gemonio e conserva il corpus delle opere di Bodini, che copre l’intero arco della sua attività artistica, costituito da gessi, bronzi, terrecotte, marmi e da numerosi pezzi della produzione medaglistica e grafica.

Fondazione Sangregorio Giancarlo, Sesto Calende nata nel 2011, custodisce l’opera scultorea e grafica di Giancarlo Sangregorio, oltre a una collezione di pitture di artisti a lui coevi e a un’importante e numerosa raccolta di arti primitive.

Associazione Museo Innocente Salvini, Cocquio Trevisago nasce nel 1983 dal recupero architettonico della casa-mulino dove visse il pittore Innocente Salvini, all’interno del paesaggio geografico e culturale in cui il pittore ha lavorato e su cui ha basato la sua ricerca artistica per tutta la vita. Dall’ampio cortile, su cui si affacciano affreschi “en plein air” realizzati dall’artista, si accede al museo attraverso l’originaria struttura del mulino.

Fondazione Ottavio e Rosita Missoni, Sumirago nasce nel 2008 per tutelare la firma e l’opera artistica di Ottavio Missoni e la creatività applicata al lavoro svolto con la moglie Rosita che li ha contraddistinti a livello mondiale nella moda e nel design.

Associazione Archivio Opera Dadamaino, Somma Lombardo costituito dagli eredi alla morte dell’artista nel 2004 ha l’obiettivo di incentivare la promozione e la tutela della sua opera, di incoraggiare tutte le iniziative culturali atte a valorizzarne l’eredità artistica, di avviare la catalogazione generale delle opere, di promuovere studi e indagini, di collaborare alla realizzazione di mostre monografiche e collettive presso gallerie e musei.

Associazione Culturale Franco Fossa, Rho è un archivio che raccoglie il lavoro dello scultore Franco Fossa, allievo di Marino Marini, che ha segnato l'arte contemporanea inserendosi a pieno titolo nel filone del Realismo Esistenziale.

Associazione Culturale Archivio Silvio Zanella e Lilliana Bianchi, Gallarate costituito in occasione del centenario della nascita di Silvio Zanella (1918) l’Archivio custodisce tutta la documentazione dell’attività varia e articolata che ha caratterizzato la figura di Zanella, fondatore del Premio Gallarate (1949), della Civica Galleria d’Arte Moderna (1966), primo direttore del Museo della Società per gli studi Patri (1970) oltre che artista, designer, promotore museale e culturale.

Proloco Arcumeggia con il borgo affrescato che rappresenta, sul territorio provinciale, una realtà unica nel suo genere. Dal 1956, per volontà dell'Ente Provinciale per il Turismo, fu avviata nel paese un'esperienza innovativa, con l'obiettivo di combattere l'abbandono dei territori montani, conseguente alla nuova industrializzazione che l'intero paese stava vivendo. L’Ente fu il promotore della trasformazione di Arcumeggia in una “galleria d'arte a cielo aperto”, la cui direzione artistica fu affidata a Gianfilippo Usellini, allora direttore dell’Accademia di Brera a Milano.

Archivio Vittorio Tavernari, Varese costituito dopo la scomparsa dello scultore Vittorio Tavernari nel 1987 per volontà degli eredi, comprende documenti scritti, lettere autografe di corrispondenti, monografie e cataloghi delle sue esposizioni, materiale fotografico, manifesti ed inviti a sue mostre.